giovedì 30 marzo 2017

Scrivere per dimagrire: seconda lezione

 
 

Mariangela Ciceri
dottoressa in Scienze e Tecniche Psicologiche - Master in Counseling Integrato
ricevo in Alessandria - per appuntamenti telefonare al 347.58.74.157
 

 
Mercoledì 5 aprile
Le situazioni che spingono a «nutrirsi»

Su richiesta di R. pubblico il suo contributo.

Ognuno ha le sue nostalgie. La mia è di quando avevo 9 anni ed ero una bambina «troppo magra» per essere accolta in famiglia. Figlia di una donna del sud rurale dove la credenza radicata era che grasso corrispondesse a sano, il mio corpo di bambina esile, non ha mai incontrato il suo consenso. Bisognava «mangiare» tutto quello che veniva portato in tavola. Non farlo equivaleva ad essere additate come «sbagliata», malata, tubercolotica. Per poter scendere in cortile a giocare era necessario fare una merenda «sostanziosa» ... che odiavo, detestavo e ingurgitavo pur di sentirmi libera di correre altrove. E così anche per sentirsi in parte una figlia migliore, il mio rapporto con il cibo, lentamente, faticosamente e pericolosamente è cambiato.
Ho cominciato a soddisfare le richieste di mia madre, a mangiare, a nutrirmi di cibo al posto del suo amore, fino a quando sfiorati i 90 kili sono tornata ad essere la figlia imperfetta: troppo grassa perché adesso è cambiata l'equazione: grasso corrisponde a malato e magro corrisponde a sano.
Combatto con il sovrappeso ogni giorno sebbene dentro di me sappia che quell'amore che tanto cerco dagli altri (e da mia madre in particolare) lo dovrei trovare solo in me. E rimpiango quel periodo catturato dallo scatto di una foto in cui guardo l’obiettivo con occhi tristi ma con un fisico che mi faceva sentire bella.
 
 
 
Copyright © 2016 Mariangela Ciceri  - L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via e-mail, saranno immediatamente rimossi